DealDash: quattro scommesse per il futuro del retail

William Wolfram spiega cos'è e come funziona DealDash e delinea le linee dell'e-commerce.
Aumenterà il legame tra produttore e acquirente, si useranno sempre più algoritmi, la gamification aprirà nuovi mercati e la rete sarà sempre più moderata h24

Il mondo del retail allarga i suoi confini andando al di là dei tradizionali canali di vendita. Mentre prosegue il dibattito tra multicanalità, touch point, differenze e opportunità tra esperienza fisica o virtuale DealDash, che oggi è arrivato a fare più di 2 milioni di transazioni al giorno, stupisce per l’efficacia della sua proposta che sembra sparigliare i giochi.

Sostanzialmente si tratta di aste online di oggetti tecnlogici, casalinghi, articoli sportivi e quant’altro, che partendo da zero, vanno a crescere di 1 centesimo per ogni puntata (ci sono 10 secondi di tempo per i rilanci), che ai partecipanti costa 60 centesimi.

Il modello di business è piuttosto semplice, chi vince l’asta acquista il prodotto, mentre chi la perde può acquistarlo a un prezzo stabilito all’inizio della gara e ottenere indietro tutti i crediti impegnati nell’asta. Nel suo intervento il CEO di DealDash, oltre a illustrare il suo modello di business, delinea quattro tendenze:

Saranno sempre più gli algoritmi a stabilire il posizionamento e anche i contenuti dei post sui social network (sistema utilizzato da DealDash nello stabilire i prezzi finali dai prodotti e le sue campagne pubblicitarie autogestite);
La gamification si affermerà ulteriormente favorendo la fidelizzazione e l’apertura di nuovi mercati di e-commerce;
Il rapporto cliente produttore si rafforzerà e l’e-commerce senza intermediari sarà uno dei trend dei prossimi anni;
L’80% del contenuto pagato dei social media sarà moderato 24 ore su 24,7 giorni su 7, 365 giorni l’anno.

ARTICOLI SIMILI

IoT-Health e il futuro della sanità

IoT-Health e il futuro della sanità

«IoT-Health è l’applicazione dell’Internet of Things per migliorare la salute dei cittadini. Gli ambiti applicativi sono numerosissimi, dai robot chirurgo alla telemedicina (ad es. attraverso wearables e implantables), passando per le stampanti 3D che creano tessuti e organi e tutti i...

Artificial Intelligence: dobbiamo preoccuparci?

Artificial Intelligence: dobbiamo preoccuparci?

Nella prima divertente parte della presentazione, piuttosto informale, il professor Floridi smonta i miti sull’intelligenza artificiale dimostrandone l’inconsistenza e la sostanziale vacuità. Nella seconda, invece, delinea il suo concetto di nuova società dell’informazione (infosfera)...

IoE e società. Siamo pronti per collegare tutte le cose?

IoE e società. Siamo pronti per collegare tutte le cose?

Abbiamo parlato con Alessandro Vespignani, professore alla Northeastern University di Boston, che all'IOE talks di Roncade ha affascinato la platea con le dimostrazioni di come possono essere analizzati i big-data e quali risultati derivano dalle analisi. In questa intervista ci aiuta a...