I punti vendita e l’online convergono sui clienti

La convergenza fra punti vendita fisici e online. Una convivenza possibile? Le esperienze di Cisco con Tesco, la grande GDO britannica.

Qualcosa come l’80% delle vendite avviene ancora in negozi fisici. Se pensate che l’e-commerce stia sbaragliando e distruggendo il commercio al dettaglio partite da dati come questo. In tutto il mondo le grandi catene di distribuzione si stanno attrezzando per gestire un graduale e inevitabile aumento delle quote di vendita online. “Graduale e inevitabile” sono le parole chiave.

Il cliente che compra indifferentemente in negozio, online o con una applicazione dedicata viene chiamato “omnishopper”. Il rapporto con l’omnishopper è il soggetto di enorme attenzione, perché è dimostrato che è un tipo di cliente estremamente fedele, a patto di offrirgli una buona esperienza di acquisto, un buon prodotto e un prezzo ragionevole.

Tesco, gigante britannico della grande distribuzione, ha sviluppato con Cisco una serie di soluzioni che migliorano la relazione con il cliente, annullando la competizione fra online e negozio fisico, migliorando la logistica e i volumi di vendita.

ARTICOLI SIMILI

IoT-Health e il futuro della sanità

IoT-Health e il futuro della sanità

«IoT-Health è l’applicazione dell’Internet of Things per migliorare la salute dei cittadini. Gli ambiti applicativi sono numerosissimi, dai robot chirurgo alla telemedicina (ad es. attraverso wearables e implantables), passando per le stampanti 3D che creano tessuti e organi e tutti i...

DealDash: quattro scommesse per il futuro del retail

DealDash: quattro scommesse per il futuro del retail

Il mondo del retail allarga i suoi confini andando al di là dei tradizionali canali di vendita. Mentre prosegue il dibattito tra multicanalità, touch point, differenze e opportunità tra esperienza fisica o virtuale DealDash, che oggi è arrivato a fare più di 2 milioni di transazioni al giorno...

Artificial Intelligence: dobbiamo preoccuparci?

Artificial Intelligence: dobbiamo preoccuparci?

Nella prima divertente parte della presentazione, piuttosto informale, il professor Floridi smonta i miti sull’intelligenza artificiale dimostrandone l’inconsistenza e la sostanziale vacuità. Nella seconda, invece, delinea il suo concetto di nuova società dell’informazione (infosfera)...