Il lavoro e le Università al tempo dei big data

Per non lasciarci travolgere dall'enorme massa di dati che 30 o 50 miliardi di dispositivi riverseranno nella rete, abbiamo alcune strategie e una certezza: ci servono data-scientists.

Incontrandolo a Roma agli IOE talks, abbiamo posto qualche domanda a Luciano Floridi, professore di filosofia ed etica dell’informazione all’Università di Oxford. Ci interessava capire la sua visione su tre temi fondamentali: come faremo a gestire l’immensa massa di dati che nei prossimi anni saranno resi disponibili, come il mondo del lavoro e della formazione sta preparandosi a gestire il mondo iperconnesso, e come, infine, potremo essere certi che le decisioni prese in funzione delle elaborazioni dei dati saranno corrette e non manipolate.

Ne emerge un quadro interessante, secondo il quale le università devono rapidamente attrezzarsi per formare data-scientists, le comunità devono attrezzarsi per verificare quanto viene affermato e deciso, e tutti insieme dobbiamo decidere che cosa va conservato e cosa dimenticato, quali dati andranno trattati per poi lasciarli svanire.

ARTICOLI SIMILI

IoT-Health e il futuro della sanità

IoT-Health e il futuro della sanità

«IoT-Health è l’applicazione dell’Internet of Things per migliorare la salute dei cittadini. Gli ambiti applicativi sono numerosissimi, dai robot chirurgo alla telemedicina (ad es. attraverso wearables e implantables), passando per le stampanti 3D che creano tessuti e organi e tutti i...

DealDash: quattro scommesse per il futuro del retail

DealDash: quattro scommesse per il futuro del retail

Il mondo del retail allarga i suoi confini andando al di là dei tradizionali canali di vendita. Mentre prosegue il dibattito tra multicanalità, touch point, differenze e opportunità tra esperienza fisica o virtuale DealDash, che oggi è arrivato a fare più di 2 milioni di transazioni al giorno...

Artificial Intelligence: dobbiamo preoccuparci?

Artificial Intelligence: dobbiamo preoccuparci?

Nella prima divertente parte della presentazione, piuttosto informale, il professor Floridi smonta i miti sull’intelligenza artificiale dimostrandone l’inconsistenza e la sostanziale vacuità. Nella seconda, invece, delinea il suo concetto di nuova società dell’informazione (infosfera)...