La strategia Mastercard per gli Omnishoppers

Quali sono le strategie di Mastercard per gli "omnishoppers"?

Siamo stati al World Retail Congress di Roma. La fiera mondiale di chi organizza e gestisce i punti vendita. La parola chiave che abbiamo sentito è “omnichannel” cioè la trasformazione dei canali di vendita da “singolo” (il negozio) a multiplo (negozio+online+qualsiasi altro vi venga in mente). E il cliente omnichannel come si chiama? Ovviamente omnishopper, il cliente sempre connesso che compra indifferentemente attraverso qualsiasi canale di vendita.

Gli sforzi di tutti, tranne una eccezione italiana che si chiama Rinascente, vanno in questa direzione.

Non potevano mancare i sistemi di pagamento, che vedono nella trasformazione una opportunità per aumentare il numero complessivo di transazioni. Perché il cliente sempre connesso ha bisogno di mezzi elettronici per pagare e i mezzi elettronici sono in gran parte gestiti da chi emette carte di credito.

Abbiamo incontrato Sarah Quinlan e Carlos Menendez, rispettivamente Senior VicePresident e Group Executive di Mastercard. Con loro abbiamo cercato di tracciare lo sviluppo dei sistemi di pagamento, non tralasciando di investigare sul momento in cui l’acquisto viene deciso e sui motivi che determinano il click sul tasto BUY NOW.

L’intervista è in inglese.

ARTICOLI SIMILI

IoT-Health e il futuro della sanità

IoT-Health e il futuro della sanità

«IoT-Health è l’applicazione dell’Internet of Things per migliorare la salute dei cittadini. Gli ambiti applicativi sono numerosissimi, dai robot chirurgo alla telemedicina (ad es. attraverso wearables e implantables), passando per le stampanti 3D che creano tessuti e organi e tutti i...

DealDash: quattro scommesse per il futuro del retail

DealDash: quattro scommesse per il futuro del retail

Il mondo del retail allarga i suoi confini andando al di là dei tradizionali canali di vendita. Mentre prosegue il dibattito tra multicanalità, touch point, differenze e opportunità tra esperienza fisica o virtuale DealDash, che oggi è arrivato a fare più di 2 milioni di transazioni al giorno...

Artificial Intelligence: dobbiamo preoccuparci?

Artificial Intelligence: dobbiamo preoccuparci?

Nella prima divertente parte della presentazione, piuttosto informale, il professor Floridi smonta i miti sull’intelligenza artificiale dimostrandone l’inconsistenza e la sostanziale vacuità. Nella seconda, invece, delinea il suo concetto di nuova società dell’informazione (infosfera)...