IntendiMe: i suoni della casa trasformati in vibrazioni

Un wearable trasforma i suoni della casa in segnali percepibili anche da chi è sordo. Antonio Pinese di IntendiMe ci spiega come funziona.

Molti rumori che sentiamo in casa ci lanciano dei messaggi molto utili, infatti, attraverso i suoni non comunicano con noi solamente campanello e la sveglia, ma anche molti altri elettrodomestici. È difficile rendersene conto se non si vive il non sentire nella quotidianità, proprio come accadeva ai genitori di Alessandra Farris, una delle fondatrici di IntendiMe.
Lo scopo di IntendiMe quindi è quello di far sì che anche i non udenti siano in grado di percepire i suoni prodotti dagli oggetti presenti in casa. Il sistema si basa su una placchetta posizionata sull’oggetto che emette il suono e un ricevitore, normalmente un braccialetto, il cellulare o un qualsiasi device scelto, che ricevuto l’input vibra e si illumina comunicando l’informazione ricevuta. Per conoscere meglio il team di IntendiMe e il loro modello di business abbiamo intervistato Antonio Pinese CTO e Programmer and Hardware Developer.


da archivio

ARTICOLI SIMILI

Un wearable per neonati

Un wearable per neonati

Braccialetti, occhiali, orologi, sono wearables piuttosto prevedibili, ne esistono con performance e funzionalità tra loro molto diverse. Questi, però, per quanto divertenti ed evoluti, non sono più una novità, e sembrano destinati a essere superati da wearables meno scontati. L'idea è quella di...

I sensori tessili per le calze smart

I sensori tessili per le calze smart

Allo scorso Ces di Las Vegas Microsoft ha annunciato una partnership con Sensoria, l’azienda fondata da tre italiani (ex Microsoft) che realizza calze e indumenti sportivi pieni di sensori. Abbiamo raggiunto Andrea Paolo Mainardi Business Development di Sensoria a Londra dove all'IoT TechExpo ha...

NANNLY, sensori indossabili per lattanti

NANNLY, sensori indossabili per lattanti

C'é grande attenzione per la salute dei bambini, specialmente dei più piccoli. Qualsiasi genitore, nei primi mesi di vita di un figlio, ha guardato il lettino e si è chiesto se il bambino stava bene. Personalmente mi è capitato di avvicinare l'orecchio per sentire il respiro dei miei piccoli...